Articoli

mastoplastica-riduttiva

Mastoplastica additiva, che costi ha l’intervento più richiesto di sempre?

La mastoplastica additiva, è l’intervento che grazie all’impiego di protesi mammarie, crea volume ed aumenta un seno, che purtroppo non si è sviluppato con il tempo, oppure che ha perso volume dopo una perdita di peso o un allattamento.

Questo intervento ha molte differenze di costo; può essere molto oneroso, ma anche stranamente economico. Da cosa dipende questa differenza? Nello specifico oggi, voglio elencarvi quali sono i fattori che formano il costo di questo intervento.mastoplastica-riduttiva

  1. Nell’intervento di mastoplastica additiva, utilizzo personalmente solo protesi Natrelle, dell’azienda leader nel settore dell’estetica “Allergan”. Queste particolari protesi, oltre ad essere garantite a vita, sono formate da un particolare gel coesivo che permette che il silicone contenuto all’interno anche in caso di rottura, non fuoriesca. Inoltre non dovranno mai più essere cambiate nel tempo, proprio per l’affidabilità della protesi. Ovviamente un prodotto del genere, garantisce sicurezza massima al paziente, ma ha anche un costo che differisce di molto dalle protesi di dubbia provenienza, che arrecano danni e devono essere sostituite dopo poco tempo;
  2. Un intervento ben eseguito e con la massima sicurezza viene effettuato in una camera operatoria di cliniche adeguate; anche questo ha un suo costo, quindi diffidate da chi vi propone interventi più economici ma effettuati in ambulatori medici.
  3. Strettamente collegato al punto precedente è l’equipe che vi seguirà in sala operatoria; oltre al medico, anche lo staff medico e paramedico che sarà di ausilio al chirurgo plastico, è altamente qualificato; i materiali chirurgici utilizzati sono di prima qualità ed inoltre l’attenzione riservata al paziente nel post operatorio in un’adeguata stanza di prima classe non consentono che venga praticato un costo irrisorio, che magari è attuato da chi effettua un intervento senza le giuste misure di sicurezza.
  4. L’anestesia e relativo anestesista. L’anestesia totale, utilizzata per l’intervento di mastoplastica additiva, indubbiamente è la più sicura in campo medico. Il paziente viene monitorato costantemente grazie all’impiego di macchinari specializzati, inoltre prima di essere sottoposti  all’intervento ci sarà un attento colloquio con l’anestesista per evitare che possano presentarsi problematiche durante l’intervento. L’anestesia locale, sicuramente più economica invece può essere molto più pericolosa, perché ad alte dosi oltre ad allergie possono presentarsi depressione respiratoria, sonnolenza, perdita di coscienza, arresto respiratorio e, nei casi più gravi anche ipotensione e collasso circolatorio.
  5. Il medico. Affidatevi ad un chirurgo plastico specialista, oggigiorno pur di praticare prezzi bassi, molti si improvvisano chirurghi estetici, pur non essendo specializzati in quella branca. Solo un chirurgo plastico specializzato, con anni di esperienza alle spalle, potrà consigliarvi la giusta pratica chirurgica da eseguire, la protesi da impiegare, il volume da raggiungere.

In definitiva, questo è un elenco sommario di ciò che fa differire il costo di un intervento chirurgico di mastoplastica additiva ben eseguito, da quello eseguito in maniera superficiale e poco sicura. Certo i costi variano da regione a regione e nemmeno un costo troppo alto è giustificato, però siate dei pazienti informati, perchè un intervento medico, non può assolutamente avere costi quasi nulli!

 

IMG-20160215-WA0004

Mastoplastica additiva – Le simulazioni

Avere un bel seno sodo e modellato per una donna è fondamentale a tutte le età.

Per questo motivo l’intervento di mastoplastica additiva è il più effettuato, e solitamente richiede l’impiego di protesi mammarie, ma il tipo ed il volume delle protesi, non dipende solo dalla volontà della paziente ma bensì anche dalla situazione di partenza.

La domanda che più spesso le donne si pongono, è relativa alla taglia da raggiungere. “E’ meglio una terza oppure una quarta?”

Per aiutare le pazienti nella scelta del volume più adatto, ci vengono incontro le simulazioni. Ne esistono principalmente di due tipologie. Delle protesi prova o ancora dei simulatori virtuali.

Per quanto concerne la prima tipologia, si tratta di sizers che appaiono simili a veri e propri impianti. Al momento della visita si indosserà un reggiseno test, e di volta in volta verranno provate i sizers di diverse dimensioni, da inserire nel reggiseno, fino a trovare la giusta dimensione per il proprio corpo.

La seconda tipologia invece è una novità del 2020. Un simulatore virtuale che grazie al 3d riuscirà a far visualizzare a video il risultato dell’intervento sul proprio corpo. Questo permetterà di “provare” dal taglia più piccola, a quella più grande in pochi secondi. Inoltre si potrà simulare anche un salto, una corsa, una posizione distesa, proprio per verificare come il seno si muoverà con il nuovo aspetto.

In definitiva, la scelta del volume delle protesi più adatta a sè stessi, sarà fatta di comune accordo col chirurgo estetico, che rispetterà la sicurezza e la buona riuscita dell’intervento di mastoplastica additiva, oltre che la volontà della paziente.

Di seguito qualche esempio della simulazione di primo tipo.

 

IMG-20160215-WA0000

 

IMG-20160215-WA0001

IMG-20160215-WA0002

 

IMG-20160215-WA0005

IMG-20160215-WA0004

158912210

Focus On: La Liposuzione, la procedura chirurgica per rimodellare il profilo corporeo

La liposuzione, si piazza al secondo posto degli interventi di chirurgia plastica più effettuati in assoluto, preceduta solo dalla mastoplastica additiva.  Ma di cosa stiamo parlando?

La liposuzione, o lipoaspirazione, è l’intervento di chirurgia estetica, volto ad eliminare le adiposità localizzate che si accumulano nelle varie parti del corpo, attraverso delle cannule sottili, per ricreare un profilo corporeo armonico.

I depositi di grasso possono essere dovuti a fattori ereditari o costituzionali e non diminuire né con la dieta né con l’esercizio fisico. La liposuzione è spesso l’unico modo per eliminarli. Questa si pratica per depositi di grasso nelle seguenti zone del corpo :

  • fianchi e glutei
  • interno ed esterno cosce
  • interno ginocchia
  • gambe e caviglie
  • addome
  • braccia
  • collo

liposuzione

La liposuzione non deve essere considerata un metodo per perdere peso né una terapia specifica della cellulite (irregolarità della superficie cutanea, pelle a buccia d’arancia). Per quest’ultimo problema andranno presi in considerazione altri tipi di trattamento.

 

Normalmente l’intervento viene effettuato con anestesia spinale, ma è possibile anche l’anestesia generale. Per effettuare la liposuzione si utilizza la tecnica “tumescente” , cioè le aree da trattare vengono infiltrate con una soluzione contenente anestetico locale e fluidi che garantiscono una maggiore precisione operatoria e una minima perdita di sangue .

Il grasso viene rimosso utilizzando cannule di piccolo calibro (2-4 mm) inserite nel pannicolo sottocutaneo attraverso piccolissime incisioni praticate in zone facilmente occultabili (pieghe, solchi).

A volte nella stessa seduta il grasso aspirato può essere riutilizzato, dopo sua opportuna preparazione, per riempire irregolarità o anche inestetismi del viso e del corpo come rughe, piccole cicatrici ecc, tecnica che prende il nome di lipofilling.

A fine intervento le piccole incisioni di accesso vengono suturate con sottilissimi fili di sutura e tutta l’area trattata sarà fasciata con una medicazione modellante, al di sopra della quale sarà necessario indossare una guaina compressiva, per favorire il riassorbimento dei liquidi e l’accostamento della pelle ai tessuti sottostanti.

L’intervento può essere eseguito in qualsiasi periodo dell’anno, si preferisce però evitare l’estate. Con il caldo, infatti, può essere scomodo indossare la guaina elastica

Il processo di guarigione è graduale; la ritenzione di liquidi e il gonfiore che inevitabilmente seguono all’intervento regrediscono più o meno velocemente in base a fattori individuali ed alle aree in cui si è intervenuti. Bisognerà perciò aspettare qualche settimana prima di apprezzare il risultato definitivo, ma il vantaggio di quest’intervento, è che il risultato è permanente.